Archivio di post sul quotidiano nella via spirituale.
Visita il Sentiero contemplativo per gli aggiornamenti recenti.

Contemplare i piccoli fatti (2): consapevolezza, responsabilità, dedizione


Questa giornata è iniziata all'alba, appena la luce è stata sufficiente, a riparare la linea telefonica per i campi dopo un mese nemmeno dall'ultima riparazione: il tecnico che a suo tempo ha eseguito il lavoro, ha lavorato male.
Ciò che chiedo a me e a voi è: quante volte ciò che ci compete lo eseguiamo in modo approssimativo, superficiale, senza consapevolezza, responsabilità e dedizione?
Può darsi che questo sia accettabile per le persone "comuni", certo non lo è per una persona della via interiore che è chiamata alla presenza consapevole su ogni suo atto.
Qualunque sia la situazione nella quale ci troviamo, siamo tenuti a considerare ciò che ci compete come la nostra vita, la prima ed ultima occasione di vivere: siamo tenuti alla consapevolezza di ogni gesto e alla dedizione a quel lavoro magari piccolo, minuscolo, insignificante; siamo tenuti alla responsabilità per le conseguenze su noi e sul nostro prossimo.
Da queste piccole cose inizia la via spirituale, il disporsi alla contemplazione nel proprio quotidiano: contemplare, meditare, coltivare lo spirituale non è dare spazio ad un mondo immaginifico, è innanzitutto essere consapevoli e dediti alle piccole cose che attimo dopo attimo si presentano alla nostra attenzione.

Immagine tratta da: http://goo.gl/ZOuBsG

2 commenti:

  1. Questa attenzione a fare il lavoro al meglio si collega al post precedente con l'immagine del pane: quel singolo fatto in quel momento è tutto quello che siamo chiamati a fare in quell'attimo di vita. Non ce ne saranno altri. Anche riaccendere l'acqua del bollitore per il caffè d'orzo la mattina successiva sarà un altro fatto che non sarà mai più come quello di ieri. Riuscire a disconnettere l'attitudine a recuperare il file dall'archivio della mente 'accendo l'acqua del bollitore' è coltivare presenza.

    RispondiElimina
  2. Troppo spesso ci ritroviamo persi nel quotidiano a rincorrere le "cose da fare", pensando che il tempo sia un contenitore da riempire e che spesso sia anche decisamente piccolo! Affannati a rincorrere un "fare" che chiamiamo vita, ma con la intima e forte impressione che la vita in realtà ci scivoli addosso senza sfiorarci....

    RispondiElimina

Cerca nel blog

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...