Archivio di post sul quotidiano nella via spirituale.
Visita il Sentiero contemplativo per gli aggiornamenti recenti.

Coltivare la stabilità che sorge dalla fiducia. Passi nella contemplazione (3)


Che cos'è l'esperienza della stabilità quando nell'umano tutto è impermanenza e instabilità?
Rispondo con una ulteriore domanda: che cosa permette ad un genitore di sopravvivere alla morte di un figlio?
Quella forza che chiamiamo fiducia di fondo.
L'esperienza della stabilità è l'esperienza dell'ancoraggio a quella fiducia che risiede ben oltre l'altalenare dell'umano.
La persona che entra nella dimensione della contemplazione sperimenta la fiducia come piattaforma su cui avviene tutto il dispiegarsi della propria umanità.
La fiducia ci conduce ad alzarci al mattino nonostante tutto quello che la mente dice sul mondo; ci accompagna nel corso della giornata incontro alle nostre possibilità esistenziali; ci sostiene nei passaggi difficili, nelle crisi, nell'oscurarsi degli orizzonti; ci tiene nel palmo della mano al tramonto della vita quando la nostra fragilità è grande; ci abbraccia nella notte della nostra incarnazione quando altro si apre alla esperienza.
Senza la fiducia non esiste vita: la mente la nega e la irride ma questa è la realtà.
La contemplazione è vita nel totalmente umano e nel totalmente altro, questo paradosso è possibile solo avendo radici profonde e stabili nell'essere della fiducia.

Immagine di Zoltan Bekefy http://zoltanbekefy.com/lex.html

Cerca nel blog

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...