Archivio di post sul quotidiano nella via spirituale.
Visita il Sentiero contemplativo per gli aggiornamenti recenti.

Pieni di niente, vuoti dell'essenziale


Non dovrei il mattino sfogliare i giornali online perché mi avvilisce, anzi, mi annichilisce il niente proposto, ostentato, riproposto ossessivamente.
Ma i giornali non sono il mondo, né rappresentano niente altro che il punto di vista di chi li scrive e di chi li segue e li sostiene.
Se guardi la televisione, i giornali e internet non capisci niente della vita, non ti fai alcuna idea: vedi solo frammenti della realtà che la tua mente combina in un insieme e ti illudi, sbagliando, di aver colto qualcosa del reale.
La realtà siamo noi e quelli che ci stanno attorno, quelli con cui interagiamo ad ogni momento: sono ansie e slanci, gesti generosi e cadute miserevoli, sorrisi e silenzi imbarazzati, profumi e sudori, corse generose e stagnazioni senza sbocco.
La realtà bisogna viverla con tutto l'essere e allora scopriamo che ciò che accade in noi è comune a molti; ciò che accade a molti, è comune a noi.
Allora ci diviene evidente che l'umano è percorso da grandi correnti esistenziali comuni, condivise: questo è conoscersi e conoscere la realtà.
Quando finalmente lo sguardo è sul nostro interiore, la domanda diviene una: di che cosa alimento il mio esistere?
Questa domanda può portare luce sul nostro cibo quotidiano, su ciò che alleviamo nel nostro intimo, su ciò che ci fonda e ci rende persone degne.

Immagine da: http://goo.gl/mQof2

Cerca nel blog

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...