Archivio di post sul quotidiano nella via spirituale.
Visita il Sentiero contemplativo per gli aggiornamenti recenti.

Report, le oche, la moda, lo sgomento, il dolore, il tentativo di passare senza lasciare traccia

http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-3e1844c1-87db-4948-b074-3715bb98e66a.html

Se vi siete persi il servizio di ieri sera di Report, lo potete vedere cliccando sulla foto.
Quello che la trasmissione ha evidenziato per le oche, vale per molti altri animali, per molte piante, per il suolo, per le persone, per tante persone; l'elenco potrebbe essere lungo.
L'IPCC ha in questi giorni richiamato alla drammaticità, e alla possibile irreversibilità, dei cambiamenti climatici: quello che facciamo in piccolo, lo facciamo anche in grande e non ci facciamo mancare proprio niente nella nostra collaudata capacità di arrecare danno.
C'è un altro modo di vivere: si può transitare nei giorni, nei mesi, negli anni, nelle vite senza lasciare traccia, nuocendo il meno possibile, riparando i danni nostri e quelli altrui, gettando le basi di una vita basata sulla collaborazione, la condivisione, il rispetto, il fare un passo indietro.
Si può e lo fanno quanti nel loro sentire sono pronti.
Si può impedire a coloro che non sono pronti di arrecare danno al loro prossimo minerale, vegetale, animale, umano che sia: si può fare anche questo, sviluppando consapevolezza, informazione, azione comune.
Tutto ciò che è sentito nell'intimo, può divenire realtà che ci aiuta a cambiare e a superare la barbarie, aspetto che solo nell'umano alligna.

Cerca nel blog

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...