Archivio di post sul quotidiano nella via spirituale.
Visita il Sentiero contemplativo per gli aggiornamenti recenti.

Le pause, le sensazioni, la meditazione


In questo periodo dell'anno la densità stessa delle feste ci permette di entrare in pausa, di fermarci.
Poi, magari, annulliamo il beneficio di quelle pause riempendoci di una moltitudine di relazioni e di faccende, o non riuscendo a sottrarci ad esse.
Qualunque cosa noi si stia vivendo o facendo, è necessario introdurre una pausa, uno stop, una condizione che rompe la continuità del vissuto.
Maggiore è la velocità, o l'intensità del vissuto, più lunga la pausa, o più frequente.
Cosa accade in una pausa?
- Un atto di volontà deliberata sospende il processo in atto; consapevolmente, nel flusso del fare, diciamo "basta" e rompiamo quel flusso.
- Ci sediamo o, se eravamo seduti magari facciamo due passi. Osserviamo, semplicemente iniziamo ad osservare.
- Portiamo la consapevolezza sulle sensazioni: cosa c'è nelle mani, nel respiro, nei piedi come sensazione?
Non appena la nostra consapevolezza inizia a registrare le varie sensazioni, inizia pure l'aprirsi di un varco nella mente, nella tensione, nell'essere protesi, nel correre, nell'ansia .
Basta divenire consapevoli delle sensazioni. Perché?
Perché le sensazioni sono la radice dell'esistere, la piattaforma di base e quando abbiamo accesso alla loro consapevolezza significa che già abbiamo disconnesso la mente: è nella mente che le tensioni, i flussi continui si creano e generano stress e frustrazione; andando a monitorare le sensazioni, di necessità dobbiamo disconnettere la mente con i suoi contenuti e subito troviamo uno spazio, un allargamento di orizzonte.
Siamo già entrati nella dimensione meditativa, è già meditazione quella che sta accadendo, ed ora lasceremo andare non solo i pensieri che transitano, ma anche la consapevolezza delle sensazioni stesse, pur rimanendo nei paraggi di questo mondo di base.
Se facciamo questo più volte al giorno, per brevi momenti, pian piano disarticoleremo il processo stesso del correre, processo che solo in apparenza ci è imposto, in realtà si genera nella nostra mente ed è da noi assecondato

Immagine da http://goo.gl/WBYkHN

Cerca nel blog

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...