Archivio di post sul quotidiano nella via spirituale.
Visita il Sentiero contemplativo per gli aggiornamenti recenti.

La solitudine, il procedere assieme


Molti sono i processi esistenziali che nei giorni, nei mesi, negli anni attraversiamo e ci attraversano.
Ogni realtà che viviamo ci cambia, a volte nel profondo, altre solo in superficie.
Che noi si viva da soli, in una famiglia, in una comunità spirituale, sempre e comunque i processi esistenziali che ci riguardano prendono forma grazie alla presenza dell'altro: ci interpellano e nella nostra solitudine dobbiamo affrontarli, nessuno può farlo al posto nostro; nessuno può capirlo, divenirne consapevole, comprenderlo se non noi stessi.
Siamo soli di fronte all'immensa semplicità dell'esistere; di fronte alla capacità unica delle identità di non vedere l'evidente e di perdersi nel gioco delle ombre mentali ed emotive.
Pur procedendo in questa solitudine di fondo, ciascuno di noi vive fianco a fianco con l'altro da sé: in famiglia, sul lavoro, in una comunità spirituale.
Qual'è il senso di  questo stare assieme? E' il procedere assieme, l'essere l'uno all'altra motivo di sfida, di scacco, di supporto e di consolazione.
Nessuno impara da solo, nessuno conosce da solo e diviene consapevole da solo e se anche la comprensione avviene nella solitudine del proprio sentire, il comprendere è, per intima sua natura, mettere in condivisione, rendere disponibile, servire.

Immagine da http://is.gd/m7Kj5D

Cerca nel blog

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...