Archivio di post sul quotidiano nella via spirituale.
Visita il Sentiero contemplativo per gli aggiornamenti recenti.

L'angoscia e la spinta a vivere



Non ci accade forse alcune mattine di alzarci velati d'angoscia?
Quasi una resistenza ad andare nella vita.
Possiamo coltivare quella velatura, o possiamo arrenderci al vivere.
Se osserviamo attentamente, nonostante l'ombra dell'angoscia, c'è qualcosa che ci spinge, che comunque ci induce ad operare, a sbrigare le faccende, ad andare.
Se non indugiamo sull'ombra, quella spinta ci porterà nella vita.
Che cos'è una giornata?
Una successione di relazioni, di fatti a volte catalogati come piacevoli, altre come spiacevoli.
Alla fine della giornata, se riusciamo a raccoglierci per alcuni minuti, che cosa ci diremo? Che siamo stati vittime del capo, del collega?
Che è stata una giornata da dimenticare? Oppure osserveremo l'interiore nostro e ci disporremo ad accogliere i molti semi di comprensione che in quella giornata sono caduti nel terreno del nostro sentire, della nostra coscienza?
Possiamo considerare la giornata che ci attende come un tempo di esperienze che ci renderanno migliori anche quando sembra che noi, ed il nostro prossimo, gareggiamo nell'esprimere il peggio?
E l'angoscia, dove è finita l'angoscia?

Immagine da http://www.archetipoac.it/ombre/

 
Qui puoi iscriverti alla Newsletter del Sentiero contemplativo
(invieremo 6 mail/anno)

Cerca nel blog

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...